Casa dolce casa

  • del
  • , aggiornata al
  • , di
  • Staff
  • in
  • E' il titolo del bellissimo articolo di Massimo Gramellini nella rubrica "Buongiorno" su "La Stampa" di oggi a proposito della proposta del Ministro Siniscalco di istituire una assicurazione obbligatoria contro le calamità naturali.

E' il titolo del bellissimo articolo di Massimo Gramellini nella rubrica "Buongiorno" su "La Stampa" di oggi a proposito della proposta del Ministro Siniscalco di istituire una assicurazione obbligaroria contro le calamità naturali.

vecchio link: http://www.lastampa.it/_WEB/_P_VISTA/gramellini

Nell'articolo di Massimo Gramellini leggiamo:

"Ministro Siniscalco, ebbene lo confesso: posseggo una casa. Non so come sia potuto succedere. Un momento di debolezza, credo, o le cattive compagnie. Infatti ho un amico che di case ne possiede addirittura due: un recidivo. Non potendo abitarle entrambe, quel capitalista senza scrupoli ha avuto la faccia tosta di affittare la seconda. Ci illumini, la prego: cosa possiamo ancora fare, noi latifondisti delle due camere e cucina, per espiare fino in fondo i nostri peccati?

Abbiamo appena saputo che la Ici aumenterà di nuovo, perché ai Comuni in bolletta i soldi qualcuno deve pur darli, ed è giusto che si sia noi reprobi a farlo. Ci è stata anche annunciata una nuova tassa, pardon, una polizza obbligatoria contro le calamità naturali: terremoti, maremoti, frane, alluvioni, inondazioni ed eruzioni vulcaniche: e io che finora mi ero sempre limitato a dare un'occhiatina al "boiler". Eppure mi riesce difficile immaginare che l'Etna possa arrivare fino al mio salotto, a meno che non sia un assicuratore a portarcelo di persona. Per cui le chiedo se non sarebbe più rapido e indolore dichiarare fuorilegge il possesso di abitazioni, procedendo senza indugi a un generale esproprio di Stato. Così il governo azzererebbe di colpo il deficit del bilancio, vendendo tutta l'Italia, tinelli compresi, a qualche fondo-pensione americano. Quanto a noi, ultimi nostalgici, potremmo sempre trasferirci in Cina, dove pare che i comunisti locali tutelino con un po' più di rispetto la proprietà privata."

L'articolo ci è piaciuto perché arguto e intelligente. Gramellini dà voce ai proprietari di casa preoccupati per l'aumento della tassa ICI e per l'introduzione di nuovi balzelli come l'assicurazione obbligatoria contro le calamità naturali.