Piano di rilancio dell'attività edilizia

  • del
  • , aggiornata al
  • , di
  • Staff
  • in
  • Segnalazione della guida del piano di rilancio attività edilizia previsto per diverse regioni italiane.

Il ragioniere Rossi Ennio, ci segnala la guida del piano di rilancio dell'attività edilizia, in formato pdf.

Sul sito www.guidaedilizia.it è possibile scaricare la guida. Nel caso venga spostata, è possibile trovarla nel nostro sito: www.proprietaricasa.org/piano_casa_070709.pdf

Si tratta di schede di sintesi, aggiornate al 7 luglio 2009, dei testi normativi provenienti da diverse regioni italiane e che sintetizzano gli interventi approvati dalle leggi regionali sul patrimonio edilizio esistente. In maggioranza si tratta di ampliamenti consentiti per non più del 20% della volumetria esistente, condizioni già previste, molto spesso, dai piani regolatori di diversi Comuni.

Ad esempio, da quanto riportato nella guida, per la regione Toscana sono previsti:

AMPLIAMENTI
Sono consentiti interventi edilizi di ampliamento solo per il residenziale e per tipologie mono o bifamiliare ovvero di tipologia diversa ma con superficie utile lorda non superiore a 350 mq, con aumento del:
20 % del volume fino ad un massimo di 70 mq di superficie utile lorda per l’intero edificio.

condizioni:

non sono ammesse modifiche di destinazione d’uso.

Gli interventi possono essere realizzati solo su edifici abitativi per i quali gli strumenti di pianificazione del territorio e gli atti di governo consentano la ristrutturazione edilizia con addizioni funzionali o incrementi volumetrici.

Gli interventi sono realizzati nel rispetto delle distanze minime e altezze massime dei fabbricati.

Gli edifici devono essere situati all’interno dei centri abitati ovvero fuori dai centri abitativi se dotati di approvvigionamento idropotabile e idonei sistemi di smaltimento delle acque reflue.

Gli edifici devono essere collocati in aree esterne agli ambiti dichiarati a pericolosità idraulica e geormofologica.

L' agibilità potrà essere rilasciata solo dimostrando il rispetto di determinati requisiti di efficienza energetica e l’utilizzo di tecniche costruttive di edilizia sostenibile.

DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Sono consentiti interventi di completa demolizione e ricostruzione su edifici aventi esclusivamente destinazione d’uso abitativa ovvero nei quali siano presenti porzioni aventi destinazione d’uso diverse purché compatibili con la destinazione d’uso abitativa e non superiori al 25% della superficie utile lorda complessiva dell'edificio. In tali casi gli interventi sono consentiti a condizione che la superficie utile lorda di dette porzioni non sia computata ai fini dell' ampliamento e non sia aumentata. Previsto un incremento del:

35% della superficie utile lorda.

condizioni:

Non sono ammesse modifiche di destinazione d'uso.

E' possibile aumentare il numero delle unità immobiliari purchè abbiano una superficie utile lorda non inferiore a 50mq.

Gli interventi possono essere realizzati solo su edifici abitativi per i quali gli strumenti di pianificazione del territorio e gli atti di governo consentano la sostituzione edilizia.

Gli interventi sono realizzati nel rispetto delle distanze minime e altezze massime dei fabbricati.


Per le altre regioni non riportate sulla guida, consiglio di cercare su Internet "piano di rilancio attività edilizia", per trovare gli ultimi aggiornamenti. Ad esempio per la regione Liguria, è possibile trovare su: www.regione.liguria.it il comunicato stampa del testo del "Piano casa" approvato dalla Giunta regionale.