Lettera: TARSU dal Comune di Milano

  • del
  • , aggiornata al
  • , di
  • Staff
  • in
  • La presente per portare a conoscenza di tutti gli interessati su una importante e pesante modifica attuata dal Comune di Milano, nella segretezza più totale e senza alcun preavviso, sulla regolamentazione dei pagamenti della TARSU.

Milano, 23/05/03

La presente per portare a conoscenza di tutti gli interessati su una importante e pesante modifica attuata dal Comune di Milano, nella segretezza più totale e senza alcun preavviso, sulla regolamentazione dei pagamenti della TARSU.

Ho ricevuto ieri 22-05-2003 una lettera della dott.ssa S. B. del Servizio Tasse Rifiuti (peraltro datata ? aprile 2003), nella quale, con molta facezia e "sense of humor" mi informa che:

"l'Amministrazione, come certamente potrà constatare, per rispondere alle esigenze più comunemente espresse e agevolare gli adempimenti degli obblighi tributari, ha semplificato il modello di pagamento......omissis...". Quello che la cara dott.ssa non dice, ma che purtroppo risulta dai bollettini di pagamento allegati, riguarda la decisione da Lei presa di accorciare "tout court" le scadenze dei pagamenti stessi di "solo" 7 MESI costringendo quindi, senza alcun preavviso, tutti gli utenti al doppio pagamento di diverse rate ( nel mio caso 2 pari a € 2600,00 aggiuntivi) più altre 2 rate che in passato si pagavano nell'anno successivo (altri € 2600,00 aggiuntivi).

Evidentemente la cara dott.ssa ritiene che questi aspetti siano "marginali" rispetto al "gran beneficio" dato agli utenti di ricevere i bollettini tramite posta ordinaria e addirittura di poterli pagare tramite RID anziché con gli sportelli della Sisal, ma io come misero amministratore di condominio mi trovo nella disgraziata situazione di non avere i fondi necessari per onorare tali pagamenti straordinari (in quanto questi vanno richiesti durante l'assemblea annuale dei condomini) a così breve scadenza (a maggio scade già la prima rata aggiuntiva) e con la prospettiva di dover far ricorso al TAR in quanto sono stati lesi dei diritti acquisiti da parte degli utenti che, per ben più di 10 anni, hanno avuto condizioni di pagamento molto meno onerose e pressanti.

Ovviamente, qualunque tentativo di contattare il Servizio Tassa Rifiuti al Comune di Milano è risultato vano in quanto le linee risultano costantemente occupate.

Sono certo che i cittadini milanesi sapranno adeguatamente apprezzare l'attenzione dell'Amministrazione Comunale alle loro "esigenze più comunemente espresse" e così magnificamente interpretate dalla dott.ssa S. B.

Cordiali saluti.

    dott. Paolo Zanni