Home page
Feed logo Casa e Condominio
Archivio Articoli
Archivio Argomenti
Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum

Lettere ricevute

Cerca nel sito

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo



Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al
November 17 2005

Informativa privacy
Scrivi al Webmaster

Versione mobile per cellulari Wap e PDA

I proprietari di casa
Condominio e problematiche immobiliari


Lo spazio della casa
Riflessioni, idee e suggerimenti per vivere meglio la propria abitazione


Dallo staff di ProgettoVivo, con l'architetto, l'ingegnere e l'esperto del verde.

La nostra casa è il posto che ci spetta, il luogo del possibile e dei sogni, di ciò che è ordinariamente straordinario.
E' la struttura portante di ogni gesto, esoscheletro che ci avvolge di profumi, di luci e di colori, in uno spazio con cui si misura tutto il corpo, e a volte si apre per gli ospiti e gli amici e si trasforma in scena di convivio.

Non è una moda: contiene la speranza del futuro di generazioni, come un organismo che funziona, lentamente evolvendosi ai bisogni più profondi del nostro sentire.
L'angolo della consulenza

ostacoli alla ristrutturazione di Raffaele

Regolarizzazione varianti interne . di Fabio GIULIETTI

Pergolato mobile su terrazza di Fabio

condizionatore e scarico nella pluviale di Laura Bruno

Cosa vorrei per la mia casa, oggi?

E' la prima domanda importante che possiamo rivolgere a noi stessi.
E se i problemi e le esigenze sono tanti, cercheremo di mettere un po' di ordine.


Gli ambienti e lo spazio della casa

Quello che ci interessa innanzitutto, e che è alla base di un rapporto corretto con la casa, è la distribuzione e il dimensionamento dei suoi ambienti. In pratica: fondamentale è la relazione fra gli spazi, il loro concatenamento, la possibilità che i frequenti spostamenti quotidiani fluiscano al loro interno senza intoppi.
Banale è la suddivisione fra zona giorno e zona notte, ma all'interno di queste due aree si possono individuare diverse funzioni che devono convivere e trovare sempre la più giusta collocazione.
Facciamo una piccola verifica: la zona per la preparazione dei pasti in quale rapporto è con lo spazio per la consumazione? Nell'ambito della zona giorno si individuano diversi angoli dove svolgere attività di studio, lettura, conversazione, relax, uso del Pc o della Playstation? L'ingresso come è collocato rispetto alla zona giorno e alla cucina? Esiste in casa uno spazio in cui riporre gli elettrodomestici e gli oggetti di uso per la pulizia? Esiste un ambiente-dispensa? Il bagno o i bagni sono sufficientemente funzionali e si trovano in posizione baricentrica rispetto alle aree che devono servire?

Naturalmente non esistono regole inviolabili, ma è bene tener presente pochi principi basilari:

  1. Non è vero che gli spazi aperti (i cosiddetti "open-space") siano sempre consigliabili.
  2. I corridoi o disimpegni non sono un male da evitare.

Gli spazi aperti
Contrariamente a quanto si pensa, l'open space possiede scarsa flessibilità. Infatti, se al suo interno si può cambiare facilmente la disposizione degli arredi, spesso mancano i punti di riferimento per disporli, poiché restano disponibili poche pareti. Nell'open space si possono creare appositi elementi di suddivisione attrezzati (ad esempio librerie a giorno a tutta altezza), ma essi costituiscono comunque varianti di divisori.
Inoltre, se non ben organizzato, lo spazio aperto può risultare indifferenziato, e creare un certo disagio per la mancanza di intimità.
E se lo spazio a disposizione per la zona giorno è molto ridotto?
In questo caso appare naturale pensare alla compresenza dell'angolo conversazione e relax con l'angolo pranzo, ma si deve cercare di realizzare una suddivisione il più netta possibile nella collocazione del mobilio, in modo da ottenere comunque una buona organizzazione spazio-funzionale e mantenere un senso di ordine e armonia.

Orientare correttamente le scelte per gli ambienti di casa

Piccolo vademecum
Gli spazi aperti nella zona giorno

Vantaggi

  • Maggiore ariosità
  • Possibilità di cambiare disposizione arredi
  • Effetto informale

Svantaggi

  • Scarsezza punti di riferimento per sistemazione arredi
  • Maggiore necessità di ordine
  • Mancanza di raccoglimento
  • Dispersione

Sono consigliabili

  • a chi ha l'esigenza di un più ampio spazio di rappresentanza (ma in questo caso è necessario sempre schermare l'angolo cottura)

Sono sconsigliabili

  • a chi ha esigenza di intimità e vive la casa come ambiente rifugio dalla complessità dell'ambito urbano

L'esempio pratico

Zona giorno open space, con tre angoli- funzione integrati: 1)angolo cottura 2)angolo pranzo 3)angolo conversazione e relax.

In questo caso si ha:
  • commistione di attività
  • minore spazio per la preparazione dei pasti
  • paesaggio interno con varietà di stimoli visivi e, in generale, maggiore interazione fra gli elementi funzionali ( la protezione dai fumi e dagli odori della cucina è garantita dalla separazione dell'angolo cottura)
Zona giorno open space o spazio aperto

Zona giorno a spazi definiti, con: 1)spazio cucina-pranzo 2)spazio conversazione e relax.

In questo caso si ha:
  • maggiore organizzazione
  • senso di ordine
  • intimità, ma riduzione delle visioni prospettiche e semplificazione del paesaggio ambientale.
Zona giorno a spazi definiti

I disimpegni e i corridoi

Eliminarli non è possibile. In alcuni casi è possibile eliminare pareti di delimitazione, ma lo spazio rimane sempre di passaggio, non consentendo inserimento di mobilia la suo interno, per non creare punti di conflitto all'attraversamento degli utenti.
Il disimpegno, che, più propriamente si può chiamare "zona di collegamento", in alcuni casi può essere rimodellato e ridotto, modificando, però, le tramezzature e la disposizione degli ambienti adiacenti.
In altri casi può essere addirittura elevato al ruolo di nuova stanza o spazio di riferimento, inserendo armadi a muro o librerie e diventare una piccola galleria come si vede nelle immagini qui sotto.

A) Schema dell'intero appartamento.
In questo progetto il committente aveva l'esigenza di entrare, a monte, sul lato opposto a quello della zona living, che doveva invece affacciare con una vista aperta verso valle.
Pertanto si è pensato ad una "casa cannocchiale", dove il collegamento fra l'ingresso (con le adiacenti aree di servizio) e la zona di relax, fosse svolto da uno spazio longitudinale, con una prospettiva diretta verso valle e risolto come una galleria attrezzata con librerie a giorno.
Spazio utile e stimolante, dunque, e non semplice corridoio.

A) Distribuzione dell'appartamento B) La galleria
Schema dell'intero appartamento La galleria
  1. Ingresso a monte della collina, con accesso dal piano garage e dall'esterno piano terra.
  2. Galleria di collegamento con zona living.
  3. Zona living.
Nota:
tutte le immagini sono ricostruzioni virtuali degli spazi, realizzate da Progettovivo Servizi di progettazione

Abbiamo parlato di questioni generali attinenti gli open space nella distribuzione interna della casa.

Hai un problema o un quesito da rivolgere anche tu, sull'organizzazione dell'ambiente domestico?
Vuoi un'idea o un consiglio dagli esperti per l'arredamento e la ristrutturazione di interni, o per la sistemazione di terrazzo e giardino?
Scrivi presso questa rubrica: a tua disposizione c'è lo staff ProgettoVivo, con l'architetto, l'ingegnere ed il consulente degli spazi verdi, che ti offriranno la loro esperienza per vivere al meglio la tua casa.

L'arch. Maria Agnese Loisi




Fuoco e legna banner