Home page
Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum
Sondaggi

Unisciti a noi
Lettere ricevute

Cerca nel sito
Archivio articoli

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo



Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al


Informativa privacy
Scrivi al Webmaster

Chiedilo al Perito

Il perito Alfonso Fornasini, consulente tecnico assicurativo, offre la sua collaborazione a titolo gratuito per rispondere a brevi quesiti su: assicurazioni casa, danni al fabbricato, gestione risarcimenti assicurativi, responsabilità del proprietario di fabbricati, del genitore, del datore di lavoro.

Le risposte verranno date compatibilmente con gli impegni di lavoro del perito. Ti informiamo, al fine di evitare abusi, che il sistema memorizza l'indirizzo IP.


Scrivi il tuo quesito
Elenco dei quesiti
Le risposte più recenti
Cerca:
or and

  • Titolo: POLIZZA RESPONSABILITA' CIVILE FABBRICATI USO DIVERSO di Lorenzo del 04/03/2003, 13:28
    Quesito: Egr. Perito Fornasini, sono il proprietario di un immobile uso diverso (non abitazione) che ho locato.
    Che assicurazione mi consiglia?
    Vorrei tutelarmi contro i danni da responsabilità civile (caduta tegole, ecc.), contro gli incendi, contro gli eventi rovinosi (crolli, fughe da metano, ecc.).
    C'è qualche altra eventualità che mi suggerisce di assicurare?

    Grazie e cordiali saluti

    Lorenzo

  • Titolo: ROTTURA TUBATURE CONDOMINIALI di moneta dario del 03/03/2003, 07:58
    Quesito: Durante la ristrutturazione dell mio appartamento gli operai hanno rotto una tubatura condominiale tra il mio appartamento e quello sottostante.
    Ora, loro dicono che la tubatura era marcia e che quindi deve pagare l'aasicurazione dell'condomio, a me però non sembra molto logico.
    Cosa dice la legge per questi casi?

    Ringraziando aticipatamente porgo
    Cordiali saluti

    dmoneta@montronix.it

  • Titolo: 1125 o 1123 c.c? di antonio dal muto del 02/03/2003, 14:56
    Quesito: Egregio dottore, le risparmio di andare a cercare il testo del quesito del quale non le risultarono chiare alcune cose. Lo riformulo: Due palazzi (34 appartamenti ogniuno) sono uniti da un terrazzone che è calpestabile e usabile da tutti i condomini, indistintamente (quindi:chi ha in proprietà il posto auto, sotto di esso, usa il terrazzone come parte comune). Il terrazzone copre una superficie interrata destinata a ricovero automobili. Ogni proprietario possiede, quindi, un posto auto sotto il suddetto terrazzone (non box). E' stata rifatta l'impemeabilizzazione al terrazzone per far cessare le infiltrazioni nello spazio sottostante di acqua piovana. L'amministratore ha applicato per la ripartizione delle spese l'art.1125 e non il 1123, come ritengo io. Il risultato è stato che chi ha l'appartamento più grande (millesimi più alti) paga di meno (in proporzione) di chi ha l'appartamento più piccolo (applicando il 1123, invece si aveva una ripartizione più consona in rapporto ai millesimi di proprietà) Ho ragione o torto?

  • Titolo: DANNI CAUSATO DAL GIOCO DEL PALLONE di MIMMO del 01/03/2003, 23:44
    Quesito: EGREGIO SIG.PERITO HO SUBITO ALL'INTERNO DEL PARCHEGGIO DEL MIO CONDOMINIO DEI DANNI INGENTI ALLA MIA MOTO REGOLARMENTE PARCHEGGIATA,A CAUSA DEI RAGAZZI CHE GIOCANO AL PALLONE.INTERPELLATO L'AMMINISTRATORE,LO STESSO MI HA RISPOSTO CHE IL PROBLEMA NON LO RIGUARDA ANCHE SE NE E' PIENAMENTE A CONOSCENZA,IN QUANTO NON C'E' NULLA CHE VIETI IL GIOCO DEL PALLONE IN UN CONDOMINIO.GRADIREI SAPERE SE CIO' CORRISPONDE AL VERO,SE CE' UNA LEGGE IN MERITO,E SE POSSO CHIEDERE IL RISARCIMENTO DEI DANNI AL CONDOMINIO.PRECISO INOLTRE CHE CI SONO TESTIMONI IN MERITO ALL'ACCADUTO.IN ATTESA VOGLIATE GRADIRE I MIEI PIU' CORDIALI E DISTINTI SALUTI.

  • Titolo: Precisazione al mio quesito prec. "Danni alle pavimentazioni..." di Filippo Z. del 27/02/2003, 15:33
    Quesito: Specifico che i danni riguardano le parti comuni dello stabile: scale, pianerottoli, androne. Il materiale è travertino e il tipo di danni varia dalla perdita di lucentezza con macchie sparse, annerimento delle fughe e fenomeni di corrosione.
    Tenendo conto che tutte le superfici erano state lucidate ad opera d'arte da poco tempo e che, addirittura, i danni ci sono anche su un piano dove la pavimentazione era stata recentemente rinnovata...
    Posso richiedere la composizione chimica dei prodotti usati per la pulizia? Esiste una normativa generale in tal senso? Insomma: cosa posso fare visto che dall'amministratore e dall'impresa di pulizie non viene alcuna collaborazione?
    Grazie.

  • Titolo: spese condominiali di annagrillo2@tin.it del 26/02/2003, 23:26
    Quesito: abito in uno stabile costruito a diverse riprese da mio padre e dagli zii. L'allaccio in fogna del mio appartamento è distinto dagli altri. Ultimamente si sono verificati dei problemi legati all'altro allaccio. In sede di ripartizione di spese posso rifiutarmi di pagare, qualora venisse accertata la non rottura del mio allaccio effettuato a 6 mt di profondità rispetto all'altro effettuato a 3mt?
    grazie le sarò grato di una sua risposta.

  • Titolo: Danni alle pavimentazioni causati da prodotti di pulizia aggressivi. di Filippo Z. del 26/02/2003, 13:58
    Quesito: Sono proprietario di un appartamento in condominio.
    Dopo aver notato in più punti dei danni alle pavimentazioni interne, mi sono rivolta all'amministratore affinché verificasse la cosa (cioé l'uso di prodotti inidonei) con l'impresa di pulizie. Risultato pari a zero. Ora, dopo colloqui con altri condomini, ho appurato di non essere il solo ad essersi lamentato della cosa.
    Inoltre ho il sospetto che alcuni composti usati possano essere all'origine di alcuni disturbi fisici di mia moglie che soffre di ipersensibilità agli acidi.
    Posso richiedere la lista dei prodotti usati per le pulizie e i loro componenti?
    Cosa posso fare?
    Grazie.

  • Titolo: Comunicazione e risarcimento danni di Valter Corcioni del 25/02/2003, 15:28
    Quesito: Il mio appartamento ha subìto dei danni per una perdita d'acqua proveniente dall'appartamento sovrastante, non conoscendo la causa da cui ha avuto origine dello spargimento d'acqua e conseguentemente se ricada o meno nella copertura assicurativa del condominio, La pregherei di inviarmi una lettera tipo per la comunicazione dei danni subìti e la richiesta di risarcimento da inviare al condomino proprietario dell'appartamento di origine della perdita e all'amministratore.
    Nel ringraziarLa per l'attenzione riservatami, Le invio i miei migliori saluti.
    Valter Corcioni

    e-mail valter.corcioni@bancaroma.it

  • Titolo: Tubazioni rotte di Ernesto Chierchia del 23/02/2003, 15:47
    Quesito: Egr. Sig. Fornasini
    Mi rivolgo a lei, per porle il seguente problema, sono
    circa due mesi,che dal soffitto del mio bagno ho delle infiltrazioni d'acqua causate dalla rottura delle tubazioni, dell'appartamento superiore al mio.
    Ho fatto notare all'inquilino di sopra il problema,
    invitandolo più volte a provvedere, non avendo ottenuto risultati, ho fatto notare la situazione anche all'amministratore.
    Ma dopo 2 mesi siamo ancora nelle stesse condizioni, anzi stanno peggiorando, ne l'inquilino del piano superiore ne l'amministratore hanno preso provvedimenti.Cosa mi consiglia di fare? come posso provvedere e a chi rivolgersi?
    Grazie e Cordiali Saluti

  • Titolo: aumento canone ed istat di rita sironi del 21/02/2003, 13:56
    Quesito: Intanto grazie per il servizio che fornite. Ho un immobile in affitto a canone libero. Ho il diritto di chiedere ogni l'anno l'aumento istat? Ed alla scadenza del contratto, visto chei miei inquilini pagano davvero poco in contronto alla media di mercato, fino a che percentuale di aumento posso chiedere? Mille grazie
    Rita Sironi

Pagina: 1 di 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |